Putagè

Il lento consumarsi delle braci

 

Il famoso putagè era molto utilizzato nelle cucine di una volta per la sua duplice funzione. Questa simpatica stufa a legna, ieri come oggi, non solo serve a riscaldare l’ambiente ma anche a cuocere sulla sua piastra di ghisa bevande e alimenti, lentamente, mentre le braci si consumano. Il putage’ ci riporta indietro nel tempo, quando la famiglia si riuniva in cucina non solo per consumare un pasto caldo ma anche per condividere momenti di profonda convivialità.
Così nel putagè si sistemavano via via i tocchi di legno per rintuzzare il fuoco in modo da rendere l’ambiente più confortevole. La cucina, soprattutto di sera, diventava il luogo più caldo della casa, dove poter svolgere diverse mansioni o stare semplicemente insieme, prima di percorrere i lunghi e gelidi corridoi e recarsi a dormire in letti freddi in cui ci si acclimatava sfregando sul materasso i piedi. Sopra la piastra del putagè si cucinava dentro i fujòt, pentole in terracotta, ideali per cuocere i cibi lentamente secondo la tradizione, per un risultato gustoso e prelibato.v